mercoledì 30 settembre 2009

Ancora sul moto perpetuo

Sushi John in un commento (peraltro fuori tema come sempre) al post precedente ha citato il moto perpetuo.
L'occasione mi è propizia per rinfrescarvi un'altra, più stimolante e divertente forma di moto perpetuo.
Due i presupposti: la legge della perversità della natura e la seguente legge inderogabile, verificata da chiunque abiti non a piano terra e possieda un gatto giocherellone (come tutti i gatti, e anche un po' scemo, come tutti i gatti, aggiungerei): "un gatto, se anche cade dall'Nesimo piano, atterra sempre sulle zampe".
Allora, legate una fetta imburrata sulla schiena di un gatto, con il lato imburrato verso l'alto, e poi gettate il gatto dall'Nesimo piano, con N grande o piccolo, tanto il risultato è lo stesso: il moto perpetuo (applausi).

7 commenti:

sushi john ha detto...

dah! vecchia questa!

adelaide_the_president ha detto...

lo dice anche il tag :)

Deezzle ha detto...

Io lo uso come motore per il mio Ciao.

adelaide_the_president ha detto...

dee, non mi si apre il linkozzo!

Marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco ha detto...

Ero io prima.
Comunque questo il link, spero funzionante.

Aleksy ha detto...

ahah fantastico! qui usano aerei a propulsione gatto imburrato intubato!